AIDS: il vero rimedio è la prevenzione.

La sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) è entrata di prepotenza nelle nostre vite da quasi trenta anni. Tutti la conoscono, tutti la temono, tutti sognano che la cura venga trovata al più presto. E’ vero che la terapia medica ha molto alleviato le sofferenze di coloro che sono affetti dal virus trasformando una malattia sempre mortale in un disturbo cronico con il quale si può convivere. Ma la vita per chi è sieropositivo è un inferno.

La sieropositività è un marchio. Un segno indelebile che causa l‘ostracismo dalla società.

Questa repulsione è originata da un sentimento misto di paura e ignoranza che non dobbiamo avere paura di chiamare col suo nome: superstizione. Il sieropositivo è considerato un untore.

Ci si può chiedere come si sia arrivati a questo punto. La ragione è soprattutto storica: i primi casi di HIV e di AIDS conclamato sono stati scoperti su persone omosessuali. Per anni si è creduto che l’AIDS fosse la malattia tipica della comunità gay e questa credenza ha legato il marchio della sieropositività al giudizio moralistico che la società riserva alla promiscuità sessuale. Un pregiudizio particolarmente diffuso ancora oggi, alimentato da mezzi di comunicazione complici nel rilanciare sempre gli stessi luoghi comuni, ha condotto l’opinione pubblica a ritenere più volubili le relazioni omosessuali. Questo insieme di paure e stereotipi  ha contribuito a riportare indietro di qualche anno i risultati raggiunti durante gli anni settanta dagli attivisti gay in tutto il mondo. In quei paesi come l’Italia che sono pervasi dalla cultura cattolica ed in qualche modo dal culto della colpa e del misticismo, l’AIDS è diventato il simbolo della collera di Dio nei confronti degli omosessuali.

Oltre ai gay l’altra categoria che cominciò a essere messa all’indice negli anni ottanta fu quella degli eroinomani. Ancora una volta un comportamento giudicato immorale trovava una punizione divina. La pratica di condividere le siringhe per le iniezioni si rivelò micidiale per la diffusione dell’infezione. A qualcuno, mi fa paura anche solo dirlo, l’AIDS sembrò una manna dal cielo.

Oggi la cecità di un atteggiamento di questo tipo è davanti agli occhi di tutti. A causa dello stigma contro i malati di AIDS, in molti si rifiutano di sostenere il test HIV contribuendo in modo determinante alla diffusione della malattia. L’aver legato alla morale la diffusione del male, inoltre, ha permesso di mantenere un atteggiamento spregiudicato nelle relazioni eterosessuali, spinto dal “non può succedere a me”.

L’ignoranza è stata anche la causa della spaventosa diffusione del male in Africa. Oltre alla scarsa conoscenza delle misure profilattiche sono state due le ragioni dell’esplosione epidemica dell’AIDS: l’influenza della chiesa e il negazionismo. La prima in una crociata che difende i non nati a scapito di coloro che sono già vivi e soffrono, ha sempre rifiutato di vedere il profilattico come l’arma fondamentale per la prevenzione, raccomandando ai malati una castità che spesso neppure i membri del clero sono capaci di mettere in pratica. Il negazionismo è invece stata una corrente di pensiero che rifiutava di affermare una connessione tra il virus HIV e l’AIDS: anche a causa di politiche basate sul negazionismo il 20% della popolazione del Sudafrica è oggi sieropositiva. Nel 2000, un gruppo di cinquemila medici firmò la Dichiarazione di Durban, che afferma che il legame causale tra HIV e AIDS è chiaramente definito, esaustivo ed univoco.

E’ importante sottolineare anche l’ostruzionismo che le principali compagnie farmaceutiche hanno messo in atto contro i paesi africani che si erano dimostrati in grado di produrre il principio attivo capace di cronicizzare la malattia per puro interesse economico. Medici Senza Frontiere ha pubblicato in ottobre un appello per richiedere ufficialmente alle industrie del farmaco di mettere a disposizione i brevetti dei nuovi farmaci. Per aderire all’appello si può andare qui.

Oggi 33 milioni di persone in tutto il mondo sono affette dalla malattia e l’AIDS ha causato più di due milioni di morti dal 1980, data nella quale il virus è stato isolato per la prima volta. Più di tre quarti dei malati vive in Africa.
Se tutti i sieropositivi usassero il condom l’AIDS potrebbe essere sconfitto in una generazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: