Le bugie di Silvio Berlusconi.

49be1fbf5170b_zoomL’ultimo mese è stato senza dubbio il più difficile nella carriera politica di Silvio Berlusconi. Una carriera ad orologeria, visto che le enormi responsabilità accumulate durante la prima e la seconda repubblica non potevano restare senza alcuna risposta. Il premier non può lamentarsi della persecuzione dei giudici: egli deve invece rispondere pubblicamente agli addebiti che gli vengono fatti e smettere di mentire spudoratamente al popolo italiano. Ormai le sue menzogne sono talmente grandi che neppure il quasi totale controllo dei mezzi di informazione e del parlamento gli sono sufficienti a nasconderle. Le recenti vicende che mettono in discussione la sua onestà, morale e politica sono solo la punta di un iceberg che affiora minacciosamente dalle acque agitate della politica italiana. Un presidente del Consiglio che mente al suo popolo è illegittimo. Per questo continuo a chiederne le dimissioni.
Il caso Noemi e la conseguente richiesta di divorzio della signora Veronica Lario è senza dubbio una vicenda delicata. A rendere la faccenda spinosa è stata la stessa signora Berlusconi che ha lanciato pesanti insinuazioni sulla salute mentale e sulla condotta etica del marito. Ma per rispondere per le rime, il premier ha cominciato a mentire. Improvvisamente, una festa di simpatizzanti del partito a cui aveva partecipato è diventata argomento di discussione nazionale. A che titolo era presente? Quando aveva deciso di partecipare? In che rapporti è con la famiglia della ragazzina di cui si festeggiava il compleanno? 
La versione del premier è questa: Silvio Berlusconi ha conosciuto Benedetto Letizia, padre di Noemi, negli anni novanta quando l’uomo era autista di Craxi. Il premier è sempre rimasto in contatto con la famiglia dell’uomo che è un conosciuto esponente di Forza Italia in Campania. La partecipazione alla festa è stata decisa all’ultimo momento. Il premier non ha mai incontrato Noemi Letizia in assenza dei genitori di lei. Praticamente tutte queste dichiarazioni sono false.
Andiamo con ordine. Bobo Craxi ha dichiarato che Letizia non è mai stato l’autista di suo padre. Nel PDL campano Letizia è un perfetto sconosciuto. La partecipazione alla festa non fu improvvisata ma decisa almeno il giorno  prima. Berlusconi e Noemi Letizia hanno un rapporto intenso, nelle parole della stessa Noemi. Berlusconi l’ha inoltre incontrata almeno una volta senza i suoi genitori, invitandola ad un’importante cena di gala e facendola sedere al suo tavolo. Naturalmente l’amicizia del premier con una giovane non costituisce uno scandalo. Ma allora, per quale motivo Silvio Berlusconi ha mentito e continua a mentire?
Egli ha mentito inoltre anche a proposito delle candidature alle Europee. Incalzato dall’opposizione che mal sopportava la candidatura di veline e soubrette al parlamento di Strasburgo e dalla moglie che chiamava l’atteggiamento berlusconiano “ciarpame politico“, il premier è tornato sui suoi passi cambiando l’ultimo giorno la lista dei candidati e dichiarando che lo scandalo era stato fatto scoppiare per un complotto dell’opposizione, quando, da settimane, i giornali da lui posseduti lanciavano articoli come questo sul corso di formazione tenuto da Renato Brunetta o quest’altro di Panorama. Le veline dovevano essere candidate eccome, visto che alcune ci sono rimaste proprio male
Ben più grave è naturalmente il caso Mills. L’avvocato inglese David Mills è stato condannato come ormai sanno anche le pietre in Italia per 
essere stato corrotto quale testimone in due processi. Lo stesso Mills ha indicato il premier come fonte del denaro proveniente da questa corruzione. Il nostro presidente del Consiglio non può però, essere processato a causa del Lodo Alfano e della imminente prescrizione del reato.
Ammettendo che Mills è stato condannato soltanto nel primo grado di giudizio, la sentenza è comunque gravissima perché illustra ampiamente le responsabilità del premier, identificato come corruttore. Naturalmente, Berlusconi dichiara la sua innocenza. Ma anziché sottoporsi al giudizio del tribunale, il primo ministro attacca duramente i giudici ed il parlamento. Dice due cose in particolare: Nicoletta Gandus, giudice del processo Mills è una attivista politica mossa da odio personale nei confronti del premier ed è organica ad una magistratura deviata che ha come obiettivo la persecuzione di Silvio Berlusconi. In secondo luogo, il parlamento è un’inutile assemblea pletorica che dovrebbe essere ridimensionata nei suoi poteri a favore del premier. Berlusconi aggiunge che il Congresso degli Stati Uniti è composto da cento senatori.
Il premier continua a mentire. Sulla Gandus per le ragioni esposte oggi su Repubblica da Giuseppe D’Avanzo: Berlusconi ha insultato, calunniato e mentito sul giudice milanese attribuendole frasi che non ha mai pronunciato e dimenticandosi che il tribunale di Milano ha superato tutti i controlli di legittimità richiesi dall’ordinamento italiano su richiesta del collegio difensivo berlusconiano. Il fallimento di questi tentativi di delegittimazione ha condotto il premier allo scandalo del Lodo Alfano. Per quanto riguarda il Congresso americano, esso è composto da 535 membri, come ricorda Francesco Costa.
L’attacco di ieri all’assemblea di Confindustria è il peggiore attacco alla democrazia nel nostro paese dai tempi di Benito Mussolini. Se ne è accorto anche Luca Sofri.
Per questi ed altri innumerevoli motivi continuo a chiedere a gran voce: dimissioni!

Annunci

2 Responses to Le bugie di Silvio Berlusconi.

  1. Pippo ha detto:

    Giuseppe D’avanzo è peggio di Claudio Rinaldi.
    Il livore gli fa dire enormi fesserei.
    Il guaio è che cè ci ci crede.Boccoloni che si bevono tutto.
    Intanto B. viene osservato al miscroscopio ,come se fosse perfetto,come se fosse Dio.
    Guardiamoci prima dentro e poi quardiamo gli altri e soprattutto non guardiamo solo B.

  2. Sergio Petrona Baviera ha detto:

    Scusa Pippo, ma non ho ben capito il tuo intervento.
    Io dico che il premier non deve mentire per difendere i suoi misfatti. Potrei capire se mentisse per l’interesse del paese. Ma non è questo il caso.
    Io mi guardo dentro e bugie non ne dico.
    Guardo Berlusconi quanto voglio e dico: è inadeguato e non dovrebbe essere il presidente del consiglio.
    D’Avanzo ha presentato i fatti e le menzogne. Non capisco a quali fesserie tu ti riferisca. Mi sembra che l’unico che soffra di livore sia tu.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: