Contro il doppiaggio.

Andreste a vedere un film con Pino Insegno armato fino ai denti che combatte gli orchi?
Sapete che Chiara Colizzi e Massimo Rossi hanno vinto un oscar quest’anno?
Sono domande retoriche, ovviamente. Pino Insegno è un pessimo attore, non sarebbe credibile in un ruolo drammatico, figuriamoci in un film popolare come il Signore degli anelli. Eppure è lui a fornire la voce ad Aragorn, cavaliere senza macchia e senza paura. Colizzi e Rossi sono invece i doppiatori di Kate Winslet e Sean Penn. Sono anni che sento dire che la scuola di doppiaggio italiana è la migliore del mondo e chiacchiere di questo tipo. La realtà è che non è possibile apprezzare davvero il lavoro di un attore se non se ne conosce la voce, chiedetelo a qualsiasi attore di teatro. Eppure noi italiani siamo costretti da sempre a sorbirci le pallide interpretazioni di attori di secondo piano che non avrebbero alcun modo di ottenere le copertine di Ciak, figuriamoci quelle di Variety.
Il doppiaggio è un ostacolo al pieno godimento dell’arte cinematografica. Lo spettatore italiano non sa che i dialoghi che gli sembrano ridicoli sono in realtà mal tradotti, che gli attori poco ispirati sono invece semplicemente doppiati male e che la volgarità di alcune commedie è quasi del tutto attribuibile alla mancanza di fantasia di sceneggiatori che non hanno nessun interesse nel rispettare il senso del film originale.
Voglio darvi un consiglio: guardate
Juno in originale e nella versione doppiata. Vi renderete conto di quello che vi state perdendo.

 

Annunci

One Response to Contro il doppiaggio.

  1. cinemaleo ha detto:

    Il mio parere è che i film sia preferibile sottotitolarli.
    Certo, c’è il pericolo della distrazione… ma è questione di abitudine. Pochissimi sono i Paesi in cui si usa il doppiaggio, e un motivo ci sarà.
    Ecco due mie piccole esperienze in Germania, tanti e tanti anni fa:
    1) Vado a vedere “L’armata Brancaleone”, appena uscito. Ricordo ancora con orrore Vittorio Gassman in lingua teutonica (da sbellicarsi… ma non in senso positivo).
    2) In tv trasmettono un film con Fred Astaire che canta pure in tedesco: uno scempio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: