Roberto Saviano intervistato da Fabio Fazio.


Antonio Albanese introduce la serata: uccideranno Saviano quando sarà dimenticato. Roberto Saviano comincia a raccontare leggendo i titoli dei giornali. I soprannomi che creano un’aura mitica. I giornali complici che raccontano il mondo della camorra.


Continua l’analisi dei titoli dei giornali. La percezione dei collaboratori di giustizia sul Territorio. Storia dell’imprenditore Dante Passarelli. Chi sbaglia paga, con la morte. Cronache di guerra.


Fotografie da un paese in guerra. Ragazzi che vivono e muoiono nella guerra. La camorra impedisce la felicità. Fare il camorrista è uno schifo.


La pineta di Castelvolturno. I bambini guardano la guerra. I boss scrivono dal carcere. La morte di un ragazzo innocente, Dario Scherillo.  


Il codice del dolore dei camorristi. L’indifferenza in Italia. Processo Spartacus. Camorra e politica. Un eroe della lotta alla camorra, Don Peppe Diana. La storia tragica di un eroe normale, Salvatore Nuvoletta, carabiniere.


L’assassinio vigliacco di Nuvoletta e la sua diffamazione. Le vergognose bugie su Don Peppe Diana. Per fare trionfare il male basta che gli uomini per bene non facciano niente.


La mitologia sui boss sciupafemmine. Le parole eroiche di Don Peppe Diana. 


Il giornalismo colpevole di omissione e l’indifferenza dell’opinione pubblica nazionale. La manifestazione di Casal di Principe. L’ambizione di Saviano: parlare al cuore di tutti. I boss vogliono gestire l’informazione.


L’invidia dei colleghi ed il rifiuto della aureola da eroe. Saviano e la protezione della scorta. Intervento di Mehta Suketu, scrittore indiano del libro Maximum City.


Amici e nemici di Saviano. La percezione di Saviano tra i ragazzi e la gente comune del territorio che racconta. L’incontro con Simon Peres.


Racconto del discorso all’Accademia dei Nobel con Salman Rushdie. La paura della delegittimazione. La sensazione  che la solitudine possa durare per molti anni.


Antonio Albanese in Cetto Laqualunque: “In amore e edilizia, è vietato vietare”.


Conclusione dell’intervista. Roberto Saviano e la politica, scegliere la tradizione legalitaria della propria parte politica. Creare la moda dell’antimafia. Fazio: raccontare la verità è un atto d’amore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: